Trattamenti e cure di vene varicose e capillari sulle gambe

vene varicose

Trattamenti e cure di vene varicose e capillari sulle gambe laser, flebectomia, termoterapia, scleroterapia grazie a tecniche mirate non invasive per le gambe.

Trattamenti e cure di vene varicose e capillari sulle gambe.

Vene varicose sulle gambe e capillari dilatati oggi si combattono efficacemente grazie a tecniche mirate e sempre meno invasive. Le vene varicose e i capillari dilatati sulle gambe sono segno di insufficienza venosa. Questa dipende dalla cedevolezza del tessuto connettivo delle pareti delle vene e dal cattivo funzionamento delle valvole che fanno risalire il sangue verso il cuore. Il sangue, non riuscendo a risalire bene, ristagna, i vasi sanguigni si dilatano e diventano visibili. Prima vengono colpiti i vasi più piccoli, i capillari. A un livello più serio, il problema interessa le vene più grandi, come la grande safena (che corre lungo la parte interna della gamba e della coscia) e la piccola safena (che sale lungo il polpaccio fino al cavo del ginocchio). Le vene varicose e i capillari evidenti sono legati alla predisposizione genetica, è altrettanto vero però che alcuni fattori esterni possono contribuire al problema, in misura più o meno rilevante. Le professioni, per esempio, che costringono a stare molto tempo fermi in piedi rendono difficoltosa la risalita del sangue, che tende a ristagnare all’ interno delle vene e quindi a indebolirle. Anche i chili di troppo e il sovrappeso ostacolano la circolazione e appesantiscono i tessuti degli arti inferiori, vene comprese, che tendono a cedere. Le alte temperature in auto, nell’ ambiente di lavoro, in casa, il troppo sole preso sulle gambe in estate o a causa di sedute di lampade UV dilatano i vasi sanguigni e rendono le loro pareti più cedevoli e meno elastiche.
Trattamenti e cure di vene varicose e capillari sulle gambe
Poiché lo stile di vita incide sulla salute delle gambe, è necessario, soprattutto per chi è predisposto a vene varicose e capillati, adottare abitudini che favoriscano la circolazione del sangue: praticare regolarmente un’ attività fisica che impegni le gambe con movimenti fluidi e regolari (nuoto, camminata, aquagym, bicicletta, tapis roulant, sci di fondo), scegliere un tipo di alimentazione ricca di fibre, verdura e frutta, non fumare. Anche l’ uso di calze contenitive e l’ assunzione di integratori a base di antocianosidi e bioflavonoidi (contenuti nei mirtilli, nella vite rossa, nella rosa canina, nel rusco)sono consigliati come prevenzione. Se però il problema diventa evidente e un corretto stile di vita non basta più, occorre intervenire. Oggi per la cura delle varici e delle teleangectasie sono a disposizione molti efficaci trattamenti, meno invasivi rispetto a un tempo e sicuri.