Mercatini di Natale il tour tra le bancarelle

Mercatini di Natale il tour tra le bancarelle. Mercatini di Natale guide ai migliori località di mercatini di Natale tuffati nella suggestiva tradizione dell’Avvento. Archiviato il Ponte di Ognissanti, in molte parti d’Italia e soprattutto nelle zone di montagna, come da tradizione, si comincia a pensare all’organizzazione dei mercatini di Natale che generalmente aprono i battenti i primi di dicembre, con il ponte dell’Immacolata, ma in alcuni luoghi vengono inaugurati già a fine novembre.

Christmas by romena

Mercatini di Natale il tour tra le bancarelle

Questi alcuni di quelli più famosi e suggestivi:

IN VAL GARDENA, IN ALTO ADIGE il mercatino di Natale aprirà la stagione dell’Avvento. In Piazza Dosses a Santa Cristina, dal 1 al 31 dicembre, tanti stand tipici proporranno oggetti della tradizione in legno, vetro e lana, offrendo buone idee per un regalo di Natale. Per la parte gastronomica dolci tirolesi e specialità locali allieteranno i palati dei visitatori, che potranno assistere alle esibizioni dal vivo dei maestri scultori gardenesi e ascoltare musica e melodie di montagna. Ogni giorno, dalle ore 15 alle 17, saranno sfornati i biscotti di pan pepato e gli squisiti “Spitzbuben”, biscotti di pasta frolla ripieni di marmellata alle albicocche. Il Mercatino non sarà l’unica occasione per celebrare l’avvicinarsi del Natale. A Ortisei, lungo la passeggiata Luis Trenker, dal 1 dicembre al 6 gennaio, si svolgerà una speciale mostra dei Presepi, con le ormai classiche casette di legno che ospiteranno i lavori degli artisti. Sempre a Ortisei, dal 1 al 24 dicembre ci sarà “Il calendario d’Avvento”, con quotidiane degustazioni di prodotti locali, dimostrazioni di scultura, canti e concerti.

A MERANO, IN ALTO ADIGE da quest’anno i mercatini di Natale a Merano (in programma dal 29 novembre al 6 dicembre) cambiano veste, pur mantenendo inalterati gli ingredienti come l’atmosfera magica, le tradizioni e i dolci sapori. Sarà però rinnovato l’appeal, grazie alla nuova impostazione architettonica che ricorderà nelle forme le montagne dell’Alto Adige. Sarà creato un nuovo percorso movimentato e suggestivo, in cui convive tradizione e innovazione. Gli ingredienti resteranno invariati. Dal profumo di cannella e spezie, o dei cibi e dolci fatti in casa, alla calda luce delle casette di legno e degli alberi di Natale addobbati. Uno spettacolo unico e nuovo per tutti, per i grandi e soprattutto per i bambini, con molti eventi che li coinvolgeranno ogni giorno.

AD AOSTA, DAL 1 dicembre al 6 gennaio, il mercatino natalizio Marché Vert Noël trasforma un angolo di città – piazza Caveri – in un villaggio alpino. Specialità del territorio, vini, arti manuali, oggetti d’antan, pensieri-regalo, ispirazioni nordiche piccoli e abbordabili lussi permettono di respirare aria di festa. Ogni giorno, i visitatori possono curiosare tra le “strade” del villaggio alla ricerca di un’idea regalo tra le tante produzioni artigianali: candele, saponi artigianali, ceramica, oggettistica artigianale in legno, oggetti e mobili di antiquariato, articoli e accessori di abbigliamento in lana cotta e feltro, canapa, pizzi, addobbi natalizi, prodotti eno-gastronomici tipici valdostani, dolciumi e pasticceria, oggetti realizzati con la tecnica del découpage o con altre tecniche manuali.

A COURMAYEUR, IN VALLE D’AOSTA infine, la vigilia dell’avvento, il 1° dicembre, è dedicata all’accensione dell’albero di Natale: è il momento in cui oltre 20mila lucine si illuminano e fanno risplendere il paese, tra attesa e meraviglia. Attorno all’albero, il gruppo folkloristico Les Badochys, aiutato dai tradizionali Beuffon invita tutti i partecipanti a fare il grande girotondo portafortuna. Per tutti, poi, ci sono cioccolata calda e vin brulé preparati dai volontari del comité de Courmayeur. Dolce simbolo delle feste, il “greichen”, a base di uova e uvetta.