La pelle “lucente” sintomo di salute

La pelle lucente sintomo di saluteLa pelle una guaina, un imballaggio molto resistente e molto elastico, contemporaneamente sodo e impermeabile, che accoglie e protegge le ossa, i muscoli ed i diversi organi del nostro corpo. Pertanto se la composizione fisica della pelle è la stessa per tutti gli esseri umani, il suo aspetto, la sua grana, lo spessore della strato corneo che la ricopre variano considerevolmente da un individuo all’altro.

Parliamo rapidamente del “perché”? Per i biologi del XVIII secolo siamo le “conseguenze” dirette di quello che ci circonda, i “prodotti” della regione che ci ha visti nascere e delle condizioni climatiche. La pelle spessa degli Esquimesi o degli Africani é una difesa naturale contro il freddo o i caldissimi raggi del sole (ma allora come spiegare la finissima pelle dei Norvegesi, degli Inglesi, molto più fragile della pelle dei Francesi, malgrado questi ultimi vivano dove il clima è più mite?). Per quelli che sostengono la vecchia tesi ippocratica, la nostra pelle è il “riflesso del nostro insieme organico”. Abbiamo la pelle del nostro temperamento, che può essere “nervoso, biliare, linfatico o sanguigno”. Benché questa tesi sia nata 25 secoli fa (!), e stata ripresa e “riadattata” da un biologo estetista che l’ha riesaminata nei suoi rapporti, tramite una pratica estetica. In sostanza dice: “Non potremmo capire i problemi della pelle se non li potessimo collegare al temperamento, alle predisposizioni ereditate o acquisite che regolano questi bisogni”.

Siamo d’accordo che la pelle sia effettivamente “il riflesso del nostro insieme organico” e in particolare della nostra salute. E’ considerando innanzitutto la lucentezza della nostra epidermide che il medico si farà un’opinione della nostra salute. Sintomi, invisibili ad occhio nudo, verranno in seguito a sostegno della sua diagnosi iniziale. Cosi l’epatismo che caratterizza un “bilioso” dona alla carnagione un colorito giallastro o per lo meno insolito. Pertanto, se é dovere del medico migliorare il nostro stato generale di salute con la somministrazione di medicine, con un conseguente miglioramento dell’aspetto della pelle, capiamo maggiormente il ruolo dell’estetista.

Abbiamo appena visto che l’epidermide, resistente ed impermeabile, è difficilmente penetrabile. Ma allora, per quale miracolo le creme e i prodotti messi sulla pelle potranno agire sui tessuti? Un esame della pelle al microscopio ci aiuterà a capire meglio il problema.