Come avere denti sani e ben curati consigli utili

Come-avere-denti-sani-ben-curati-consigli-utili

Come avere denti sani e ben curati consigli utili denti bianchi, ben allineati e curati sono un’esigenza estetica oltre che una priorità importante per la salute.
Possono tuttavia ancora esistere alcuni dubbi sul modo più corretto di mantenere sana la dentatura, su ciò che effettivamente danneggia la bocca e ciò che invece la valorizza nel suo insieme, dai denti alle labbra.

Ecco qualche suggerimento su come prendersi cura di questa importante parte di noi e come rendere più seducente il proprio sorriso.

Alimentazione

E’ sicuramente vero che alcuni cibi favoriscono per un motivo o per un altro la salute e la bellezza dei denti e delle gengive e che altri invece ne costituiscono una minaccia. Per esempio frutta e verdura e alimenti ricchi di fibre sono molto indicati perchè apportano vitamine, minerali e “puliscono” la superficie del dente. Prediligere verdure crude, frutta fresca e alimenti che necessitano di un certo tempo di masticazione: alimenti che contengono calcio e fluoro come latticini, pesce e uova.
No
Evitare o ridurre il consumo di alimenti appiccicosi, molli, gommosi o eccessivamente zuccherini che più facilmente si annidano negli interstizi costituendo una minaccia perchè difficili da rimuovere.
Fare attenzione anche a bevande come tè, caffè e vino rosso che contengono sostanze pigmentanti che favoriscono l’ingiallimento dei denti e la comparsa di macchie. Anche le bevande acide, come succhi di arancia e elimone, e le bibite gassate possono aggredire lo smalto e dunque rendere i denti più vulnerabili.

Pulizia dei denti
E’ una buona abitudine lavare i denti dopo i pasti ma se si sono mangiati cibi acidi e, di conseguenza, lo smalto tende a demineralizzarsi, è preferibile aspettare almeno 20 minuti per dare tempo alla saliva di svolgere la sua azione tampone e ripristinare il giusto pH (acidità) all’interno della bocca.
Lo spazzolamento, se effettuato con eccessivo vigore e con una tecnica non corretta, potrebbe provocare erosione sulle superficie dei denti rese più sensibili dall’acidità di cibi e bevande.
In alternativa, se non ci si può lavare i denti, masticare una gomma senza zucchero,dopo aver mangiato può essere utile per rimuovere i residui di cibo. Ma non si creda che il chewing gum sia un sostituto di spazzolino e dentifricio! Almeno mattino e sera è necessario lavare i denti.
Lo spazzolino inoltre deve essere scelto con cura. Deve avere setole medio morbide e va sostituito ogni 3 mesi.
Perchè l’igiene sia completa bisogna usare costantemente anche il filo interdentale. Durante una seduta di igiene dentale il dentista o l’igienista vi spiegano il modo più corretto di passarlo fra un dente e l’altro (abbracciare il dente con il filo) senza danneggiare le gengive ed il tipo di filo più adatto alla vostra dentatura.
Per quanto riguarda il dentifricio non è assolutamente vero che uno vale l’altro. Anche in questo caso il dentista può consigliarvi quello più adatto alla vostra bocca, soprattutto in presenza di sensibilità dentale, problemi legati allo smalto o alle gengive.
Ci sono dentifrici specifici per denti o gengive sensibili, per rinforzare lo smalto, arricchiti di sodio, contro i batteri oppure che contengono silice a bassa abrasività che consente ai denti di rimanere lisci più a lungo rendendo più difficile l’attacco dei microrganismi.

Variazioni ormonali
Le variazioni ormonali, specie l’aumento di estrogeni e progestinici, fanno cambiare l’ecosistema del cavo orale e favoriscono la proliferaizone di alcune specie batteriche particolarmente dannose.
Maggiori rischi li corrono le donne che, in gravidanza, subiscono variazioni ormonali: durante i 9 mesi devono curare maggiormente la loro igiene orale domiciliare, recarsi dal dentista per i controllo e dall’igienista per pulizie professionali, facendo sempre presente il proprio stato di gravidanza.