Batteri intestinali influenzano la nostra personalità

Batteri intestinali

Batteri intestinali influenzano la nostra personalità studio futuro dei scenziati per malattie microbiche componente che causa malattie comportamentali. Il batterio che colonizza l’intestino delle persone potrebbe avere un effetto significativo sui problemi di salute mentale come ansia e depressione, secondo uno studio pubblicato online dalla rivista Gastroenterology.

In una persona sana, gli intestini costituiscono una riserva di flora “utile” per aiutare e prevenire le infezioni alimentari da batteri nocivi. Diversi comuni disturbi gastrointestinali, tra cui la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) sono spesso associati a depressione o ansia e alcuni disturbi psichiatrici come l’autismo ritardo, e questi potrebbero essere collegati al comportamento anomalo dei batteri intestinali.

Un team di ricercatori canadesi della McMaster University, Hamilton, ha analizzato gli effetti degli antibiotici sulla flora batterica intestinale dei topi e dei loro comportamenti, e ha trovato che i cambiamenti nella flora intestinale influenzano la chimica del cervello.

Gli scienziati hanno scoperto che i topi sono diventati meno ansiosi e più cauti quando gli hanno somministrato antibiotici per via orale, accompagnato con un aumento del brain-derived fattore neurotrofico (BDNF), una sostanza chimica associata a depressione e ansia.

La flora intestinale ritornata alla normalità quando gli antibiotici sono stati sospesi. “Questo è stato accompagnato dalla normalizzazione del comportamento e della chimica del cervello”, ha detto Stephen Collins, co-autore dello studio, in un comunicato stampa.

Quando i batteri sono stati attivati nei topi, comportamento esplorativo è stato introdotto in quei topi che erano stati allevati con un comportamento passivo, e questi topi sono diventati più audaci. Inoltre, i topi attivi, ai quali sono stati dati i batteri  dei topi passivi sono diventati più passivi.

“I risultati meravigliosi forniscono uno stimolo per il futuro causa microbica di ricerca componente del comportamento della malattia”, ha detto Collins nella dichiarazione, è stato sottolineato che il comportamento stato influenzato da diversi fattori.

Premysl Bercik, un investigatore dello studio, ha detto nella dichiarazione che, sulla base di questi risultati, un batterio pro biotico potrebbe essere utilizzato nelle terapie per il trattamento di disturbi dell’umore, in particolare quelle correlate a disturbi gastrointestinali, come IBS.

Un recente studio condotto da Jane Foster e colleghi, pubblicato nel numero di marzo di Neurogastroenterology e la motilità, ha dimostrato che i batteri intestinali influenzano anche i geni che determinano l’apprendimento e la memoria nei topi, in particolare nella regione cerebrale dell’ippocampo.

“Riteniamo che il futuro è pieno di opportunità, pensiamo a come microbiota o batteri influenzano il cervello e come il bi-direzionale di comunicazione del corpo e dei disturbi del cervello influenzano metabolismo  l’obesità e il diabete”, ha detto Foster dal McMaster University in un comunicato stampa del mese di marzo.

“The take-home messaggio è che i batteri intestinali influenzano il comportamento ansioso attraverso alterazioni nel modo in cui è collegato il cervello”, ha detto. “Abbiamo una ipotesi nel mio laboratorio che lo stato del vostro sistema immunitario e della flora intestinale, che sono in costante comunicazione, influenzano la vostra personalità“.

La ricerca come questa potrebbe aiutare a sviluppare terapie per trattare il corpo, senza dover curare il cervello.

“Abbiamo bisogno di nuovi obiettivi che adottano un approccio diverso da quello comune oggi sul mercato per la malattia psichiatrica”, ha detto Foster, e ha concluso che “questi obiettivi potrebbero essere il sistema immunitario, la funzione intestinale … potrebbe anche usare il corpo dei pazienti per predire quali farmaci potrebbero funzionare meglio nel loro cervello. “