Artemisia annua nuova luce per cancro

Artemisia annua nuova luce per cancro

Artemisia annua nuova luce per cancro antica ricetta cinese potrebbe essere la chiave per un trattamento anti-cancro non tossico.

Artemisinina è stata utilizzata per circa 30 anni in Vietnam e in Cina per il trattamento del cancro. E

l’esperienza con artemisinina per questo scopo è in aumento. Questa storia probabilmente ha portato alla recente ricerca sul cancro con artemisinina.

Artemisia annua e cancro

Le cellule tumorali sono notoriamente carenti di enzimi antiossidanti – entrambe le forme di superossido dismutasi, la forma di manganese nei mitocondri, e la forma di zinco di rame nella cellula citoplasma sono generalmente a basso contenuto di cellule tumorali. Le cellule tumorali sono gravemente carenti di catalasi e glutatione perossidasi, entrambi i quali degradano il perossido di idrogeno. Sono queste carenze ed enzimi antiossidanti che portano all’uso di molti dei chemioterapici comuni che sono generatori di superossido.

I flussi elevati di ferro , sono soprattutto connessi con la fase di moltiplicazione delle cellule tumorali, dovrebbero rendere queste cellule ancora più suscettibili al danno ossidativo tramite perossido di idrogeno e superossidi. Normalmente, la carenza di profonda catalasi nelle cellule tumorali è accreditata con vulnerabilità alla ossidanti, in rapporto a vitamina C o perossido di idrogeno.

Le idee secondo Lai e Singh consistono nel sovraccaricare le cellule tumorali con del ferro, in modo da poterle poi uccidere selettivamente con l’Artemisina. Onde poter accumulare più ferro possibile, era necessario avere un gran numero di recettori di transferrina, i quali facilitano l’entrata di ferro nelle cellule.

Artemisinina diventa citotossica in presenza di ferro ferroso. Dal momento, che afflusso di ferro è naturalmente

elevato nelle cellule tumorali, artemisinina uccide selettivamente le cellule tumorali . Inoltre, è possibile aumentare o migliorare il flusso di ferro nelle cellule tumorali di base e alle condizioni

che aumentano le concentrazioni di ferro intracellulare.

Il potenziale vantaggio di artemisinina nel trattamento del cancro è ancora da esplorare ulteriormente perché è semplice, sicura, ben compresa, e sfrutta la debolezza polivalente nelle cellule tumorali per difendersi contro i radicali dell’ossigeno. Migliorare

l’attività ossidante con altri agenti di ossidazione può aggiungere significativo sinergismo. Aggiunta

artemisinina al basso il dosaggio chemioterapico che induce citotossicità per radicali liberi

meccanismi (quali doxorubicina), possono tranquillamente aumentare l’efficacia del trattamento.

Il dottor Singh, in una comunicazione , ha condiviso che ha seguito di una serie di

dei malati di cancro con un miglioramento quasi universale di artemisinina o dei suoi derivati. Lui

ritiene, che artemisinina si rivelerà il più potente, ma estremamente economico e sicuro,

agente chemioterapico fin ora trovato, ed efficace per via orale per uso domestico.

Tuttavia, i medici, ritiengono, che  Artemisia Annua dovrebbe essere utilizzata solo con un professionista

insieme alle strategie complementari che impiegano disintossicazione, dieta, rinforzo sistema immunitario e lavoro spirituale… ecc

Questo uso di strategie complementari e di supervisione professionale non può essere sottolineato abbastanza, tanto più che l’uso a lungo termine di artemisinina e i suoi derivati ha avuto poco studio. La famiglia Hoang ha indicato a lungo termine 50-60% della remissione in più di 400 pazienti affetti da cancro utilizzando artemisinina insieme ad una vasta strategia per il cancro, e senza tossicità osservata. Qualunque cosa succeda, una parte della lode va ai naturopati sconosciuti di altri tempi . “ La cosa più straordinaria, è che i cinesi l’avevano adoperato già dai tempi remoti”, dice Lai. “ Noi gli abbiamo solo dato una nuova applicazione”.